Lunedì, 17 Dic 18

Tu sei qui:

Le telecamere di “Striscia la Notizia” al Distretto sanitario di via Manfredi

Eugenio “il Genio”, l'inviato col turbante in testa ed il corpo dipinto di blu, è stato ad Atripalda per verificare come avviene il microchippaggio dei cani. Attimi di caos, ma all’arrivo dei carabinieri la tensione si era già stemperata

L'inviato ha visitato l'Unità Veterinaria

Le telecamere di “Striscia la Notizia” hanno fatto tappa ad Atripalda. Il nuovo inviato della trasmissione di Canale 5, Eugenio “il Genio” - chiamato ad esaudire i desideri delle persone -, si è presentato questa mattina di buon’ora presso Distretto Sanitario di via Manfredi. E non sono mancati momenti di tensione e di grossa confusione, tali da richiedere l’intervento di una pattuglia dei carabinieri.

Probabilmente bisognerà solo attendere la messa in onda del servizio per capire bene quale fosse in questo caso il desiderio da esaudire, ma sembra che l’inviato abbia fatto visita all’Unità Operativa Veterinaria per chiarire le modalità con cui viene effettuato il microchippaggio dei cani, cioè l’inserimento della capsula di vetro obbligatoria per legge che serve a risalire al proprietario dell’animale.

In ogni caso Eugenio “il Genio”, col turbante in testa e con il corpo dipinto di blu, non è passato inosservato anche se pochi lo hanno riconosciuto visto che è entrato solo da una settimana a far parte della squadra di Antonio Ricci. Ed, infatti, qualcuno all’inizio ha pensato ad uno scherzo, alla voglia di farsi notare di qualche buontempone. Poi, invece, si è capito che l’inviato di “Striscia” era stato chiamato da un’associazione animalista con lo scopo di verificare con quali modalità avviene l’inserimento del microchip nel collo del cane nella struttura che si trova alle spalle del Distretto dove è vietato l’accesso agli animali.

Quando sono arrivati i carabinieri, evidentemente avvertiti da qualcuno che temeva che la situazione degenerasse, non hanno trovato più nessuno perché pare che l’inviato di “Striscia” fosse andato ad intervistare i vertici aziendali.

E, dunque, per sapere cosa è successo e come è andata a finire non resta che aspettare cosa avrebbe scoperto Eugenio “il Genio”.

L'accesso alla parte posteriore del Distretto

L'ingresso del Distretto

E-mail Stampa PDF

Commenti  

 
#1 luigi 2015-10-17 13:50
E una vergogna in quel distretto personale sanitario senza.un minimo di educazione non usano i guanti per fare i vaccini ai neonati e quando lo richiedi diventano scortesi e trattano malissimo gli utenti
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna