logo






Annullate definitivamente le due ultime assunzioni al Comune di Atripalda

La conferma si avrà domani mattina, alla riapertura degli uffici comunali dopo la festività di San Sabino, ma sembrerebbe che l’Ufficio provinciale del lavoro abbia azzerato del tutto la procedura

Probabilmente la conferma si avrà solo domani mattina, quando gli uffici comunali riapriranno dopo la festività odierna di San Sabino, patrono della città. Tuttavia, ciò che già trapela non lascerebbe spazio a molti dubbi: l’Ufficio provinciale del lavoro avrebbe definitivamente annullato la procedura di assunzione di A.C. e M.B. (omettiamo i nomi completi su richiesta degli interessati) perché pare che non sia del tutto regolare. In altre parole, ci sarebbero alcuni elementi che ad una verifica più attenta da parte degli enti preposti non sarebbero risultati pienamente conformi alle norme in materia.

La comunicazione sarebbe arrivata al Comune ieri mattina e, dopo essere transitata per il Protocollo, è finita sulla scrivania del dott. Paolo De Giuseppe, il responsabile del settore a cui fa capo anche l’Ufficio del personale, il quale, però, ha lasciato anzitempo il Municipio per ragioni familiari serrando la sua stanza. La vicesegretaria Katia Bocchino, che in questa settimana sostituisce la segretaria generale Clara Curto, a Roma per un corso di aggiornamento, ha risposto a quanti le hanno fatto richiesta, in particolare ai consiglieri Pacia e Musto (ma lo stesso si appresterebbe a fare la consigliera Battista) di aspettare fino a domani per prendere visione della comunicazione chiedendo l’accesso agli atti direttamente al capufficio.

I due neoassunti, invece, già nella giornata di ieri sono stati invitati a lasciare il Comune fino a nuove disposizioni che, purtroppo per loro, non saranno positive se dovesse trovare conferma la notizia del definitivo annullamento della procedura di assunzione, finendo in una situazione davvero non augurabile a nessuno, cioè quella di essere assunti e licenziati nel giro di dieci giorni. E non è escluso, a quel punto, che possa anche aprirsi un contenzioso davvero stucchevole ma che forse avrà il merito di portare in evidenza tutti gli aspetti di una procedura che più passano le ore e i giorni e più si arricchisce di fantasiosi particolari.

Intanto, anche nella maggioranza di governo pare si stia per aprire un confronto serrato su una vicenda che, per come si avvierebbe a conclusione, non può non avere precise responsabilità.

Stampa