Tu sei qui: Home
Alvino: De Mita? E’ l’ultimo a poter parlare

Alvino: De Mita? E’ l’ultimo a poter parlare

Gli amici di Pietro Foglia e del sindaco Spagnuolo replicano agli attacchi dell’Udc

Dall’Udc duri attacchi al sindaco Spagnuolo, Ciriaco De Mita: Vi chiedo scusa

Dall’Udc duri attacchi al sindaco Spagnuolo, Ciriaco De Mita: Vi chiedo scusa

E Giuseppe De Mita ha aggiunto: Non siamo tutti uguali. Geppino Spagnuolo: Spero non parli mai più di coerenza e rinnovamento. Petracca: I passaggi da un partito all’altro si spiegano leggendo il Burc

Confermate le pene per il Clan Cava, la Polizia procede con gli arresti

Confermate le pene per il Clan Cava, la Polizia procede con gli arresti

Dopo le condanne del 2011 arriva la sentenza definitiva, coinvolti anche alcuni atripaldesi

Il Vangelo della Domenica

Il Vangelo della Domenica

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15, 26-27; 16, 12-15)

I racconti del sabato sera / IL TUFFO

I racconti del sabato sera / IL TUFFO

"Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti". (C. Pavese - La luna e i falò)

Scoperta una casa di prostituzione in via Pianodardine

Scoperta una casa di prostituzione in via Pianodardine

Una 36enne brasiliana aveva inaugurato un’alcova in città. I Carabinieri hanno denunciate due persone

Oggi in Piazza Umberto I si discute di lavoro con gli Scout

Oggi in Piazza Umberto I si discute di lavoro con gli Scout

Il Clan Orizzonti ha organizzato un doppio appuntamento

 

Lettera di Natale ai genitori

Uno fra i tanti messaggi scritti dagli alunni della Primaria

Cari genitori, il Natale è vicino e dovremmo viverlo pensando che è un giorno molto importante per tutta l’umanità. In tutti gli uomini, anche quelli più cattivi, potrebbe nascere qualcosa d’intenso: l’amore. Il Natale è una festa che si celebra con luce e colori per annunciare la nascita del nostro Salvatore. Però c’è anche chi non potrà festeggiarlo come noi, con gioia e con regali, ma solo con il cuore e con l’amore che prova per Gesù. Molte persone non hanno una vita tranquilla e serena e questa lettera è rivolta proprio a coloro che soffrono, che vivono in paesi in guerra o che non hanno i genitori e vengono maltrattati: perché possa suscitare in loro un po’di felicità. Vederli con un sorriso sarà difficile…se solo potessi fare qualcosa! A Natale desidererei essere felice, perché viene una sola volta l’anno e voglio godermelo, ma davanti agli occhi ho sempre loro, quei bambini che vivono in Africa e non hanno da mangiare. Si fanno continuamente raccolte di soldi per questi poverini, ma a che serve se nessuno comprende che per aiutarli dobbiamo diffondere la pace nel mondo? Le guerre sono bruttissime. Se ci fosse la pace, il mondo sarebbe un luogo fantastico. Invece è come se fosse diviso in due grandi blocchi: uno pacifico e un altro violento. Se entrambi si unissero, insieme, formerebbero un universo migliore, dove l’uno possa contare sull’altro. Per far sì che questo avvenga dobbiamo far capire alla gente cattiva che non bisogna uccidere per ottenere qualcosa. La cattiveria è una cosa che da alcune persone è difficile mandare via; tuttavia, se ci mettessimo l’impegno necessario, tutto potrebbe accadere! Mamma, papà, in un giorno così speciale per me, chiunque dovrebbe avere la possibilità di diventare buono perché sta per nascere Gesù! L’albero è splendente con le mille sue lucette colorate; Maria e Giuseppe nel presepe sono contenti perché saranno allietati dal Bambinello Divino. Nel mio cuore sento già un coro di angeli che cantano: “Venite è nato il Salvatore… Pace agli uomini di buona volontà!” W IL NATALE!

La vostra Serena (Guerrera)

E-mail Stampa PDF

Commenti  

 
#6 pfra 2013-12-15 19:24
Bellissimo
 
 
#5 chicca 2013-12-14 16:09
bella bella
 
 
#4 Martina Setaro 2013-12-08 13:52
è BELLISSIMA!!!!! !!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!
 
 
#3 sharon 2013-11-18 18:52
è bellissima questa lettera e sembra che parla proprio del natale vero e parla di questi poveri che non hanno i genitori i soldi niente e che il natale gli regalerà felicita in tutto il mondo a tutti i poveretti che ne hanno bisogno anche tutti gli animali del mondo pensate una volta ho visto un poveretto vicino la stazione io visto che ero andata al MD erano rimaste patatine hamburger cola intera e io e i miei genitori gli volevamo dare da mangiare e cosi' gli diedero tutto i miei genitori e io un bracciale portafortuna spero che lo protegga io amo il natale e il mio desiderio è che tutte le persone malate povere e tutti gli animali del mondo stessero bene
 
 
#2 cucciolotta 2012-12-23 22:59
e' troppo lungo ma bello
 
 
#1 banana 2012-12-22 14:11
nn mi e piaciuta questa lettera
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna